I protagonisti di Mercato Mediterraneo

Giuseppe Orefice

Nato a Napoli 40 anni fa. Ha vissuto a Napoli e da un po’ si è trasferito in campagna nell’Ager Falernus tanto caro ai romani. È tecnologo alimentare e ha collaborato con diverse pubbliche amministrazioni per progetti di sensibilizzazione e promozione dei prodotti tipici e della cultura rurale, corsi di formazione e progetti educativi.

«Ho avuto la fortuna di incontrare sulla mia strada persone che mi hanno fatto comprendere che i prodotti delle campagne e il paesaggio rurale sono parte del nostro patrimonio culturale e della nostra identità e in tal senso vanno difesi e valorizzati – spiega lo stesso Orefice – Dopo l’incontro con Margherita Rizzuto ho cercato di far con uire tutte questi impulsi in un progetto più ambizioso nasce in questo modo Agrigiochiamo che nei sui primi 10 anni di vita attraverso progetti educativi, attività in fattoria, nei parchi pubblici e nelle piazze ha coinvolto in attività ludico educative all’aperto migliaia di bambini e bambine. Mi occupo di educazione alimentare e didattica della ruralità e mi piace insegnare a bambini e ragazzi la saggezza che si nasconde dietro un prodotto di qualità, scrivo libri sulle fattorie didattiche, sull’agricoltura civica e responsabile e sugli agriasilo e agrinido. Sono impegnato nella realizzazione di reti di orti scolastici e orti urbani. La mia storia personale e professionale si intreccia con quella di Slow Food no alla mia partecipazione attiva al movimento fondato da Carlo Petrini e all’incarico di presidente di Campania e Basilicata».

Oltre a collaborare con diverse aziende agricole insegna in qualità di esperto in scuole di diverso ordine e grado è sommelier professionista edimpegnato nella realizzazione di reti di orti scolastici e orti urbani. Autore dei libri Fattoria didattica come organizzarla e come promuoverla” e Agriasilo, agrinido ed asili nel bosco. Nuovi percorsi educativi nella natura”.

Venerdì 24 NOVEMBRE, ore 16.30
In mensa. Il valore nutraceutico della dieta mediterranea
Area Palco Centrale

CON LA PARTECIPAZIONE E IL SOSTEGNO DI